RC Auto: cos’è e come funziona la Legge Bersani

da | Articoli più letti, R.C.Auto | 0 commenti

RC Auto: cos’è e come funziona la Legge Bersani

da | Articoli più letti, R.C.Auto | 0 commenti

Nata per agevolare le famiglie e abbattere i costi assicurativi, il decreto comunemente conosciuto come “Legge Bersani” permette di ereditare la classe di merito.

Approvata nell’Aprile del 2007 dall’allora Ministro dello Sviluppo Economico Pierluigi Bersani, questo importante decreto offre notevoli vantaggi a tutti gli automobilisti. Grazie a questa legge infatti è possibile assicurare un veicolo nuovo, sfruttando la classe di appartenenza di uno dei componenti del nucleo familiare già assicurato oppure la classe dello stesso intestatario.

Il veicolo non dovrà per forza essere nuovo, ma anche di seconda mano, purché sia immatricolato per la prima volta a nome della persona che richiede l’assicurazione.

Quali sono le condizioni per poter usufruire della Legge Bersani?

  • La persona che assicura il nuovo veicolo (e quindi eredita la classe di merito) deve essere lo stesso proprietario del veicolo o il componente di un nucleo familiare. Una condizione, questa, facilmente verificabile grazie ad un documento che descrive la composizione della famiglia anagrafica, chiamato Stato di Famiglia.
  • La Legge non è applicabile alle aziende, ma solo a persone fisiche.
  • Vale solo per le auto che non sono mai state assicurate prima.
  • È applicabile solo a veicoli della stessa tipologia.
  • La polizza assicurativa dalla quale si vuole ereditare la classe deve essere attiva, non sospesa.

Come è facile intuire, si tratta di una normativa che agevola particolarmente i neopatentati, considerati di norma la fascia di automobilisti più penalizzata dai costi dell’assicurazione. Le Compagnie Assicurative, infatti, tendono a tenere alti i costi nel caso di persone che hanno appena conseguito la patente di guida perché statisticamente più propensi a commettere sinistri. 

Come beneficiare della Legge Bersani?

Se si vogliono sfruttare i vantaggi di questo decreto, le indicazioni da seguire sono molto semplici: al momento della stipula del contratto, non bisogna fare altro che indicare i dati anagrafici della persona da cui si vuole ereditare la classe di merito, a condizione che questi sia inserito nello stesso stato di famiglia.

Per questo bisogna avere con sé la seguente documentazione:

  • Libretto di circolazione del mezzo da assicurare
  • Attestato di rischio
  • Un documento di identità dell’intestatario della nuova polizza
  • Un documento di identità del componente del nucleo familiare di cui si vuole ereditare la classe
  • Lo Stato di Famiglia

Inoltre, non è necessario che la Compagnia Assicurativa sia la stessa del veicolo dal quale si vuole ereditare la classe di merito, né alcun eventuale sinistro riguardante uno dei due veicoli ostacola la possibilità di ereditare la classe di merito.

È doveroso ricordare che affermare il falso per sfruttare le agevolazioni della Legge Bersani comporta numerosi rischi. Dichiarare, ad esempio, di voler ereditare la classe di merito di una persona defunta o non facente parte del nucleo familiare di appartenenza comportano rivalse e multe salate.

0 0 vote
Vota Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0 0 vote
Vota Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Riccardo Cantini

Riccardo Cantini

Autore articolo

Riccardo Cantini
Riccardo Cantini

Autore Articolo

Nato a Piombino (LI) nel 1969, vive a Firenze da circa trent’anni. Laureato in filosofia, è stato editor e product manager per diverse realtà editoriali fiorentine. Da oltre dieci anni svolge l’attività di consulente assicurativo. Si interessa in particolare di soluzioni assicurative per le PMI, di previdenza integrativa e di soluzioni d’investimento assicurativo.

Ricevi tutte le novità sulle assicurazioni

Utilizzo dei servizi (obbligatorio)

utilizzo dei dati (facoltativo)

4 + 5 =

Ricevi tutte le novità sulle assicurazioni

Utilizzo dei servizi (obbligatorio)

utilizzo dei dati (facoltativo)

4 + 8 =