Focus previdenza: infermieri e giornalisti

da | L'Opinione, Previdenza, Previdenza Complementare | 0 commenti

Focus previdenza: infermieri e giornalisti

da | L'Opinione, Previdenza, Previdenza Complementare | 0 commenti

Dopo notai, avvocati, ingegneri, architetti, commercialisti, veterinari, consulenti del lavoro, farmacisti e psicologi, ci occupiamo adesso di infermieri e giornalisti e dei loro enti di previdenza ed assistenza.

L’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della Professione Infermieristica

L’ENPAPI, l’ente che assicura la previdenza obbligatoria in favore degli infermieri, degli assistenti sanitari e degli infermieri pediatrici che esercitano l’attività in forma libero professionale, è stato istituito nel 1998 ed è un associato ADEPP, l’Associazione degli Enti previdenziali privati. L’iscrizione all’ente è obbligatoria per tutti gli infermieri iscritti agli ordini provinciali che esercitino l’attività libero professionale in forma individuale, quindi o titolari di partita IVA o associati ad uno studio professionale o soci di cooperativa sociale con rapporto di lavoro autonomo. La contribuzione si divide in:

  • soggettiva, valevole ai fini previdenziali;
  • integrativa, valevole ai fini assistenziali e previdenziali;
  • di maternità.

Il contributo soggettivo prevede un minimo annuo di €1.600,00, è obbligatorio ed è calcolato in percentuale sul reddito professionale derivante da lavoro autonomo nella misura del 16%. È facoltà del contribuente utilizzare di anno in anno un’aliquota superiore al 16%, sino ad un massimo del 23%, al fine di incrementare il proprio montante contributivo. Il contributo integrativo è calcolato in percentuale (del 2% nei confronti della Pubblica Amministrazione, del 4% verso tutti gli altri) sui corrispettivi lordi che vanno a formare il reddito imponibile da lavoro autonomo. È previsto, anche in questo caso, un contributo minimo di €150,00 annui. Il contributo di maternità è una cifra fissa, determinata di anno in anno dall’Ente, che va a coprire le indennità di maternità erogate a favore delle libere professioniste. Sono previste delle agevolazioni contributive (riduzione al 50% del contributo soggettivo minimo) per coloro che esercitano l’attività anche come dipendente part-time al massimo al 50%, per i neo iscritti all’Ente e per i giovani; sono esonerati dal contributo soggettivo e integrativo minimo i professionisti che esercitano l’attività anche come dipendenti part-time con orario superiore al 50% del tempo pieno; per i full-time come dipendenti l’esonero riguarda anche il contributo di maternità.

L’ENPAPI eroga pensioni di vecchiaia, di invalidità, di inabilità e pensioni ai superstiti. Tra gli interventi di assistenza val la pena di ricordare:

  • l’indennità di maternità;
  • l’indennità da malattia;
  • il contributo per spese funebri;
  • i sussidi per gli asili nido.

Ad oggi, gli infermieri iscritti all’ENPAPI maturano i requisiti di pensione di vecchiaia se:

  • hanno 65 anni di età e almeno cinque anni di contribuzione;
  • hanno almeno 57 anni di età e almeno 40 anni di anzianità contributiva.

L’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani “Giovanni Amendola”

L’INPGI gestisce tutte le forme assicurative obbligatorie di previdenza ed assistenza a favore dei giornalisti professionisti e dei familiari aventi diritto. Si è tenuti all’iscrizione all’Istituto qualora si sia iscritti all’Albo dei giornalisti (professionisti, pubblicisti e/o praticanti) e si svolga attività lavorativa, in forma autonoma o subordinata, riconducibile a quella professionale giornalistica. Va fatta una distinzione tra i giornalisti con rapporto di lavoro subordinato e giornalisti lavoratori autonomi. Per i primi l’INPGI sostituisce in tutto e per tutto l’INPS: vi saranno quindi contributi obbligatori, dovuti in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore calcolati sulla retribuzione imponibile, come per un qualsiasi altro lavoro subordinato. Per i giornalisti lavoratori autonomi (titolari di partita IVA, collaboratori occasionali) è invece prevista l’iscrizione alla cosiddetta Gestione Separata INPGI. In questo caso sono previste quattro tipologie di contributi:

  • un contributo soggettivo, pari al 10% del reddito professionale netto;
  • un contributo integrativo, a carico del committente, pari al 2% dei compensi lordi;
  • un contributo di maternità, in cifra fissa;
  • un contributo aggiuntivo volontario (minimo del 5% del reddito dichiarato) da decidersi di anno in anno.

Le pensioni erogate dall’INPGI sono quelle di vecchiaia, di anzianità, di invalidità e ai superstiti. La pensione di vecchiaia nel 2019 la si ottiene a 67 anni di età, con almeno 20 anni di contributi. La pensione di anzianità la si ottiene con 40 anni e cinque mesi di contributi ed almeno 62 anni e cinque mesi di età.

La Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani

CASAGIT è un’associazione privata, nata nel 1974 e dal 2010 iscritta all’Anagrafe dei Fondi sanitari. La Cassa, nata per iniziativa del sindacato di categoria, fornisce ai soci iscritti e ai loro familiari un sistema integrativo sanitario, che prosegue anche dopo il pensionamento e senza limiti d’età. Leggiamo dal sito che “[…] CASAGIT garantisce, in maniera differenziata in relazione al profilo prescelto, un concorso alle spese mediche sull’intero ventaglio delle prestazioni sanitarie: ricoveri, visite specialistiche, accertamenti diagnostici, cure odontoiatriche, medicinali, ticket, terapie fisiche e riabilitative, acquisto di lenti per occhiali. Caso unico nel panorama italiano la Cassa eroga direttamente, e non tramite assicurazioni, contributi per l’assistenza domiciliare ai non autosufficienti. Assicura inoltre un servizio di assistenza in emergenza 24 ore su 24, 365 giorni l’anno.”

0 0 vote
Vota Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0 0 vote
Vota Articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Riccardo Cantini

Riccardo Cantini

Autore articolo

Nato a Piombino (LI) nel 1969, vive a Firenze da circa trent’anni. Laureato in filosofia, è stato editor e product manager per diverse realtà editoriali fiorentine. Da oltre dieci anni svolge l’attività di consulente assicurativo. Si interessa in particolare di soluzioni assicurative per le PMI, di previdenza integrativa e di soluzioni d’investimento assicurativo.
Riccardo Cantini
Riccardo Cantini

Autore Articolo

Nato a Piombino (LI) nel 1969, vive a Firenze da circa trent’anni. Laureato in filosofia, è stato editor e product manager per diverse realtà editoriali fiorentine. Da oltre dieci anni svolge l’attività di consulente assicurativo. Si interessa in particolare di soluzioni assicurative per le PMI, di previdenza integrativa e di soluzioni d’investimento assicurativo.Nato a Piombino (LI) nel 1969, vive a Firenze da circa trent’anni. Laureato in filosofia, è stato editor e product manager per diverse realtà editoriali fiorentine. Da oltre dieci anni svolge l’attività di consulente assicurativo. Si interessa in particolare di soluzioni assicurative per le PMI, di previdenza integrativa e di soluzioni d’investimento assicurativo.

Ricevi tutte le novità sulle assicurazioni

Utilizzo dei servizi (obbligatorio)

utilizzo dei dati (facoltativo)

14 + 13 =

Ricevi tutte le novità sulle assicurazioni

Utilizzo dei servizi (obbligatorio)

utilizzo dei dati (facoltativo)

15 + 1 =